La Terapia di Integrazione Sensoriale

La modalità con cui percepiamo le informazioni dall’ambiente e dal nostro corpo è fondamentale per l’adattamento ai vari contesti.

I nostri sensi comprendono la vista, l’udito, il tatto, il gusto e l’olfatto, ma anche il sistema propriocettivo, che ci dà informazioni su come il nostro corpo è posizionato nello spazio, e il sistema vestibolare che ci permette di percepire il movimento.

Ogni individuo ha un proprio modo di registrare le informazioni sensoriali. Alcune persone possono fare fatica ad orientarsi e apparire poco sensibili, mentre in altri casi si può notare un’estrema sensibilità e delle reazioni esagerate anche in presenza di stimolazioni minime.

Il profilo sensoriale influisce sull’auto-regolazione e sui modi con cui l’individuo interagisce con l’ambiente e con gli altri.

Valutiamo con attenzione l’area relativa all’organizzazione prassica e alla pianificazione motoria. Con questi termini facciamo riferimento alla capacità di pianificare ed eseguire differenti azioni motorie. Affinché questo processo sia efficace, i sistemi sensoriali devono raccogliere le informazioni, organizzarle ed interpretarle in modo appropriato.

Le difficoltà di elaborazione sensoriale si possono manifestare in modi diversi. Un bambino può essere costantemente in movimento, o passivo e poco attento a quello che succede intorno a lui. In alcuni casi possiamo notare una facile tendenza all’affaticamento e difficoltà di coordinazione motoria. Le difficoltà sensoriali e motorie si possono manifestare anche come un ritardo nell’acquisizione del linguaggio e nell’apprendimento della letto-scrittura oppure attraverso il comportamento impulsivo e la tendenza ad evitare esperienze nuove.

Lo scopo principale della terapia di Integrazione Sensoriale è di aiutare il bambino a strutturare delle risposte più organizzate, in modo da facilitare l’adattamento all’ambiente.

I terapisti DIRSI lavorano sul profilo sensoriale coinvolgendo attivamente i genitori e aiutandoli a comprendere il comportamento del loro bambino, acquisendo una prospettiva differente.
Riteniamo inoltre fondamentale coinvolgere gli insegnanti, in modo da immaginare un ambiente scolastico che tenga conto della modalità unica con cui il bambino elabora le informazioni e il suo stile di apprendimento.

SPIEGAZIONE INTEGRAZIONE SENSORIALE:

BAMBINO CHE RACCONTA IL DISTURBO DI INTEGRAZIONE SENSORIALE: